ACQUISTO DI BOX

Precisazioni in una Risoluzione dell'Agenzia delle entrate

L' Agenzia delle Entrate, con una recente Risoluzione , ha spiegato che, oltre alla realizzazione, anche l’acquisto di autorimesse e posti auto pertinenziali, si configura come se fosse una ristrutturazione e quindi, nel caso dell’acquisto di questo specifico anche questo usufruirà del bonus del 36% ma attenzione il bonus non è sul valore commerciale del bene ma solo sul costo di costruzione dell'immobile stesso.

In base alla Risoluzione 38/E del 2008 e alla Circolare 55/E del 2002, se l’atto definitivo per l’acquisto di un box è stipulato dopo il pagamento di eventuali acconti, è riconosciuta la detrazione sugli acconti pagati con bonifico a patto che il vincolo pertinenziale tra l’autorimessa e l’edificio principale emerga da un compromesso di vendita registrato.

Al contrario, non si può accedere al bonus nel caso in cui, ai pagamenti effettuati con bonifico, prima dell’atto notarile, non corrisponda un preliminare di vendita registrato. In una situazione del genere, infatti, al momento del pagamento non risulta nessun vincolo pertinenziale.

La detrazione è riconosciuta anche se la data del bonifico coincide con quella dell’atto notarile e il pagamento viene effettuato in un orario precedente alla stipula.

Anche se al momento del pagamento, infatti, il box per il quale si intende fruire della detrazione non è stato ancora destinato al servizio dell’abitazione, qualora la destinazione pertinenziale sia attribuita nell’arco della stessa giornata, mediante la stipula del rogito, la condizione prevista dalla legge per la fruizione del beneficio può considerarsi realizzata.

Dopo tutti questi chiarimenti passiamo all'atto pratico per l'applicazione corretta di questo bonus con un esempio pratico :

Il signor Rossi, proprietrio di un appartamento in Via Garibaldi al n.c. 20 di Valsorriso, decide di acquistare un garange posto a 300 mt. dalla sua abitazione in Via Carducci al numero 38. La trattativa verte sul costo di 40.000 euro e viene conclusa a questo prezzo. La risoluzione parla di costo di costruzione dell'immobile ma qwuesto è stato costruito 20 anni fa. Quale è il costo di costruzione di queto immobile ? Può essere determinato tramite perizia giurata di un tecnico, allegata all'atto ? A quale data si deve riferire il costo ? -

Se si parla di paragonate l'intervento ad una ristrutturazione è chiaro che il costo di costruione si dovrà periziare all'attualità e quindi la perizia giurata di un tecnico sembrerebbe la via più giusta e quindi sul valore di mercato di 40.000 eruro il tecnico ad esempio, perizierà che il costo di costruizione sarà pari ad euro 20.000 e quindi sarà su questo che si otterrà il bonus del 36%.