DECRETO ANTICRISI

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 34 dell' 11 febbraio, il DL n. 5 del 10 febbraio 2009 il decreto recante "Misure urgenti a sostegno dei settori industriali in crisi" che, all’articolo 2, il Decreto introduce per la prima volta nella storia della nostra Repubblica , una detrazione Irpef del 20% per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici.
I il testo pubblicato in Gazzetta presenta alcune novità risèpetto a quanto approvato dal Consiglio dei Ministri : le spese sono detraibili in cinque anni anziché in dieci, gli elettrodomestici devono essere ad alta efficienza energetica e tra gli oggetti agevolabili ci sono anche computer e televisori.

Ecco quali sono le condizioni e modalità per usufruire dello sconto fiscale :

Per accedere alla detrazione è necessario che il contribuente avvii, o abbia avviato a partire dal 1° luglio 2008, lavori di recupero del patrimonio edilizio su singole unità immobiliari residenziali, esclusi quindi i lavori sulle parti comuni condominiali, usufruendo della detrazione del 36% (art. 1 della legge 449/1997). La data di inizio lavori è intesa quella in cui è stata sostenuta la prima spesa per i lavori di ristrutturazione.

Spese detraibili e tetti massimi

È detraibile il 20% delle spese documentate, sostenute tra il 7 febbraio 2009 e il 31 dicembre 2009, per l’acquisto di mobili, elettrodomestici, computer e televisori, destinati all’arredo dell’immobile oggetto della ristrutturazione; il tetto massimo della spesa agevolabile è fissato a 10.000 euro, di conseguenza l’importo massimo della detrazione è di 2.000 euro da ripartire in cinque quote annuali da 400 euro ciascuna. È necessario che le spese siano effettuate con le stesse modalità previste per le ristrutturazioni, quindi con bonifico bancario o postale. Per gli elettrodomestici, il DL specifica che gli incentivi sono riservati ai prodotti "ad alta efficienza energetica", senza però fornire ulteriori dettagli sulla classe energetica.

Cumulabilità dell’incentivo
Il bonus è cumulabile con la detrazione per la sostituzione di frigoriferi e congelatori prevista dall’art. 1, comma 353, della Finanziaria 2007 e prorogata dalla Finanziaria 2008.


Il DL contiene una importante norma sugli obblighi a carico dei produttori dei beni incentivati: entro 30 giorni dall’entrata in vigore del DL, la presidenza del Consiglio promuoverà un protocollo di intenti con cui i produttori si impegneranno a mantenere i livelli occupazionali e in cui saranno definite le modalità per assicurare il rispetto dei termini di pagamento previsti nei rapporti con i fornitori e con gli altri soggetti della filiera produttiva e distributiva, nonchè allo sviluppo e al mantenimento di iniziative promozionali finalizzate a stimolare la domanda e a migliorare l'offerta anche dei servizi di assistenza e manutenzione.