Finanziaria 2011

Prorogato il bonus del 55% per tutto il 2011

 


Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Finanziaria 2011 Oggi la chiamano : (Legge di Stabilità per il 2011) è stata inserita anche la proroga al 31 dicembre 2011 della detrazione del 55% delle spese per la riqualificazione energetica degli edifici.

Tutte le spese sostenute nel 2010 sono detraibili in cinque anni a partire dalla denuncia dei redditi del 2011

Chiarimenti dall’Agenzia delle Entrate


Le novità introdotte riguardano sopratutto il periodo di detrazione, infatti : le spese verranno recuperate non più in cinque anni ma in dieci, praticamente una storia infinita che rischia di vanificare la detrazione sia dal punto di vista burocratio che dal punto di vista umano, quindi possiamo dire che :

"il 55% allunga la vita"

Per il resto nessun altra modifica , rispetto alla normativa vigente, sia per i tetti di spesa, che per le percentuali di detrazione ele categorie di gli interventi ammessi.

Testo integrale della disposizione:

"48. Le disposizioni di cui all'articolo 1, commi da 344 a 347, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, si applicano, nella misura ivi prevista, anche alle spese sostenute entro il 31 dicembre 2011. La detrazione spettante ai sensi del presente comma è ripartita in dieci quote annuali di pari importo. Si applicano, per quanto compatibili, le disposizioni di cui all'articolo 1, comma 24, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, e successive modificazioni, e all'articolo 29, comma 6, del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2."

Cosa dice e precisa l'ENEA

Chiarisce che:

- le spese sostenute nel 2011 saranno detraibili in dieci anni a partire dalla denuncia dei redditi dell’estate 2012.

- quanto pagato entro il 2010 saranno detraibili in cinque anni a partire dalla denuncia dei redditi dell’estate 2011.

Resta confermato che la documentazione degli interventi eseguiti (Allegato F oppure Allegato A+Allegato E a seconda dell’intervento), va trasmessa all’ENEA entro 90 giorni dal termine dei lavori.

Inoltre, il mancato completamento dei lavori nel 2010 va comunicato all’Agenzia delle Entrate con apposita comunicazione telematica entro il 31 marzo 2011, specificando quanto pagato nel 2010.