ACCORDO_GEOMETRI_NOTAI - Prontogeometra il portale dei geometri italiani on-line

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Geometri sempre più avanti
Importante accordo per le compravendite fra  geometri e notai
per la conformità catastale e urbanistico-edilizia


Perizie tecniche facoltative, redatte dai geometri, da allegare ai trasferimenti immobiliari per dimostrarne la regolarità edilizia



In base a questo importante accordo  ci sarà la possibilità di allegare ai trasferimenti immobiliari una perizia tecnica facoltativa (che però nella maggior parte dei casi diventa indispensabile) , redatta dal geometra, nella quale risulti la conformità catastale allo stato di fatto e l’esame edilizio e urbanistico.
Oggi infatti il ruolo del notaio è di assicurare un trasferimento assolutamente sicuro sotto il profilo della commerciabilità dei beni immobili e questo avviene già per quento riguarda sia la conformità edilizia fino dalla legge 47/85 e,  per quanto riguarda la conformità catastale:  

L’art. 19, comma 14, D.L. n.78/10, convertito con modificazioni dalla L. n. 122/10, dispone che “All’articolo 29 della legge 27 febbraio 1985, n. 52, è aggiunto il seguente comma: «1-bis. Gli atti pubblici e le scritture private autenticate tra vivi aventi ad oggetto il trasferimento, la costituzione o lo scioglimento di comunione di diritti reali su fabbricati già esistenti, ad esclusione dei diritti reali di garanzia, devono contenere, per le unità immobiliari urbane, a pena di nullità, oltre all’identificazione catastale, il riferimento alle planimetrie depositate in catasto e la dichiarazione, resa in atti dagli intestatari, della conformità allo stato di fatto dei dati catastali e delle planimetrie, sulla base delle disposizioni vigenti in materia catastale. La predetta dichiarazione può essere sostituita da un’attestazione di conformità rilasciata da un tecnico abilitato alla presentazione degli atti di aggiornamento catastale. Prima della stipula dei predetti atti il notaio individua gli intestatari catastali e verifica la loro conformità con le risultanze dei registri immobiliari.»”.

Quindi grazie alla perizia tecnica, redatta su incarico del venditore e su conseguenti specifiche indicazioni e richieste del notaio, sarà garantita anche la sicurezza sotto il profilo dell’esame tecnico sulla regolarità edilizia e sulla agibilità. Così facendo tutti i soggetti coinvolti nelle trattative avranno la certezza della regolarità urbanistica e dell’agibilità dell’immobile e allo Stato sarà assicurata una minore incidenza del contenzioso e delle procedure amministrative di sanatoria delle irregolarità.
La speranza è che tutta la documentazione possa essere inviata dal geometra al notaio tramite pec con firma digitale,  prassi che al momento moltissimi notai non accettano preferendo ancora la forma cartacea.

 

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu