DDL_CONCORRENZA - Prontogeometra il portale dei geometri italiani on-line

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:


Torna al sommario

     

DISEGNO DI LEGGE CONCORRENZA 2015
E' cominciata già la bufera !!!
Ecco l'articolo motivo delle proteste
che in sintesi leverebbe parecchio lavoro ai Notai ma che certamente
sarebbe un vantaggio per i cittadini in termini economici.
Meno costi per questi passaggi di proprietà.


Articolo 29.
(Semplificazione del passaggio di proprietà di beni immobili ad uso non abitativo)
1. 1. In tutti i casi nei quali per gli atti e le dichiarazioni aventi ad oggetto la cessione o la donazione di beni immobili adibiti ad uso non abitativo, come individuati dall'articolo 812 del codice civile, di valore catastale non superiore a 100.000 euro, ovvero aventi ad oggetto la costituzione o la modificazione di diritti sui medesimi beni, è necessaria l'autenticazione della relativa sottoscrizione, essa può essere effettuata dagli avvocati abilitati al patrocinio, muniti di polizza assicurativa pari almeno al valore del bene dichiarato nell'atto.
2. Le visure ipotecarie e catastali per la redazione degli atti e delle dichiarazioni di cui al comma 1 nonché le comunicazioni dell’avvenuta sottoscrizione degli stessi agli uffici competenti sono a carico della parte acquirente, donataria o mutuataria.

Ora è da premettere che se si analizza il sistema compre-vendite, oggi ad esclusivo appannaggio dei Notai,  ci si accorge che il nostro sistema giuridico ammette che il trasferimento dei beni possa avvenire con due sistemi di contratto :
ATTO PUBBLICO
SCRITTURA PRIVATA AUTENTICATA
I due atti in sintesi sono atti traslativi a tutti gli effetti ma tutti preferiscono l'atto pubblico perchè coinvolge la responsabilità del notaro nella stesura dell'atto e di tutti gli adempimenti connessi dando la massima sicurezza alle parti della prefetta efficacia  della validità del contratto.
La scriitura privata utenticata viene considerata un atto di serie B pur avendo a tutti gli effetti la stessa valenza di quello pubblico.
Ora nel disegno di legge semplificazione si vuole dare ad Avvocati e Dottori Commercialisti la facoltà di autenticare questi tipi di atti limitamenmte al trasferinento di beni diversi da quelli abitativi (e non se ne capisce la differenza) con un valore catastale rivalutato non superiore a 100.000 euro. In sintesi garage,  magazzini, piccoli laboratori e negozi di pocchissimi mq. in quanto,  per una perversa attribuzione della rendita catastale,  questi ultimi sono super valutati e sicuramente saranno molto pocchi quelli che rientrerebbero in un valore catastale di 100.000 euro.
Sono fermamente convinto che la bufera cessera in quanto si ritornerà alla calma piatta in quanto questo articolo verrà sicuramente cancellato come altri contenuti del DDL. Le rottamazioni renziane non piacciono ai Notai !

Geom.Cesare Gherardi





 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu