FASCICOLO FABBRICATI - Prontogeometra il portale dei geometri italiani on-line

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:


FASCICOLO FABBRICATI  
Verso l’obbligatorietà


Qualche anno fa,  se non erro ci fu un decreto legge che istituiva il Fascicolo fabbricati e mi pare proprio a Roma molti solerti amministratori cominciarono a farlo redigere, ma poi il progetto fini e mori li e non se parlò più. Ora molti sindacati che raggruppano ordini professionali lo invocano nel quadro della classificazione sismica degli edifici stessi con proposte giuste ma che poi troveranno attuazione nella realtà ? – Se si pensa che il catasto istituito  nel 1939 ancora,  nonostante le nuove tecnologie non riesce a stare al passo coi tempi, o almeno ci prova. In un momento così delicato della nostra economia questa operazione farebbe ricadere ancora una volta sui cittadine un onere che molti non si possono permettere. Con questo condivido che sia una cosa giustissima da fare ma poiché si inquadra in un contesto di sicurezza che deve sfociare in una classificazione sismica dell’edificio,  con possibili sue azioni di adeguamento, per arrivare  rapidamente in porto,  bisognerebbe inquadrare il tutto  in un operazione economica incentivata con l’istituzione di un Bonus Fiscale commisurato alle caratteristiche di ogni singolo immobile che ogni cittadino,  proprietario percepirebbe sotto forma di sconto fiscale. Solo allora l’operazione Fascicolo Fabbricati potrebbe funzionare velocemente e arrivare a risultati concreti in tempi ragionevoli e quindi,  la conseguente classificazione sismica, sarebbe consequenziale. Come vedete nelle proposte che girano sulla stampa e sul web c’è piena sincronia di intenti perché poi sono in costi che contano e sicuramente è meglio prevenire che poi spendere per  ricostruire. Gli ultimi eventi sismici ci insegnano.


Geom.Cesare Gherardi

Le proposte

 
Fascicolo del fabbricato: cosa conterrà e chi se ne occuperà
Sindacati e professionisti propongono di dividere il fascicolo in una parte generale (se l’unità abitativa fa parte di un condominio o strutture con più di 4 unità abitative) e una parte specifica (per la singola unità) e di differenziare il documento tra edifici storici e edifici moderni, richiedendo classificazioni, attestazioni e analisi a professionisti diversi (ad esempio utilizzando gli archeologi per gli edifici ricadenti in contesti di particolare pregio).Il fascicolo, inoltre, dovrà prevedere costi contenuti o nulli per i cittadini, al netto di adeguati oneri per professionisti e per l’archiviazione amministrativa. Le eventuali spese per la certificazione sismica potrebbero essere agevolate fiscalmente, equiparandole a tutte le altre spese fiscalmente agevolate.  
Obbligo del fascicolo e della manutenzione programmata
Tra le proposte di medio periodo Fillea e professionisiti puntano anche a introdurre, con gradualità, l’obbligatorietà delle manutenzioni programmate (una sorta di "revisione obbligatoria" come per i veicoli a motore). Suggeriscono di prevedere un "adeguamento ordinario" ogni 20/25 anni, come accade in diversi Paesi Europei. In questo modo ogni intervento significativo sullo status energetico, sismico o del rumore (quindi anche agevolato), potrà prevedere un aggiornamento del fascicolo di fabbricato.


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu