RIFORMA_DEL_CATASTO - Prontogeometra il portale dei geometri italiani on-line

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:


Torna al sommario

     

PERCHE' NON SI FA LA RIFORMA DEL


CATASTO

Un po' di storia non fa mai male - Senza fare alcuna apologia ma di seguito indichiamo tutte le cose buone che fece Benito Mussolini per l'Italia di cui ancora oggi ne beneficiamo (scarica l'elenco se ti interessa saperlo)


Questa è la legge che istituiva il Catasto nel lontano 1939

Regio decreto-legge del 13 aprile 1939 n. 652
Accertamento generale dei fabbricati urbani, rivalutazione del relativo reddito e formazione del nuovo catasto edilizio
urbano

_____________________________________________

Riforma del Catasto al palo

Secondo la bozza del decreto di attuazione della riforma, gli immobili non dovevano essere più raggruppati in categorie e classi, ma in due tipologie di fabbricati: quelli ordinari e quelli speciali. Gli appartamenti sarebbero stati inseriti tutti nella categoria ordinaria O/1, mentre ville, immobili signorili e artistici avrebbero avuto una regolamentazione diversa. Per consentire una valutazione più oggettiva di tutti gli immobili che tenesse conto anche della loro particolare ubicazione e dell'andamento del mercato, il valore degli stessi doveva essere determinato dalla superficie e non più dai vani. A ogni unità immobiliare sarebbe stata attribuita una rendita e un valore patrimoniale stimati in base alle reali caratteristiche dell’immobile e alla zona di appartenenza. Oggi L’unico decreto ad essere stato approvato è quello sulle commissioni censuarie, chiamate alla revisione dei valori immobiliari e delle rendite.
Perchè è tutto fermo e rimandato, semplice : riformare tutto questo ora nel momento di crisi in cui siamo sarebbe voluto dire aumentare una serie di tasse a dismisura in quanto la maggior parte delle rendite catastali sarebbero talmente aumentate da creare addirittura pericolose situazione destabilizzanti che sicuramente il Governo Renzi non se la sarebbe sentita di affrontare. Il tutto sicuramente dovrà essere preso in esame in un'ottica diversa e inquadrato in una più ampia riforma fiscale che preveda abbassamenti di tasse e abolizione sopratutto di quelle sulla casa. L'aumento delle rendite castastali senza questi pressupposti avrebbe determinato anche quello delle tasse comunali che prendono a base appunto queste rendite. Quindi tutto fermo in attesa di tempi migliori, che chissà quando arriveranno !!!

Geom.Cesare Gherardi

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu